Autorità di bacino distrettuale dell'Appennino settentrionale
Settore 'Qualità delle acque e gestione della risorsa idrica'

Loading...

Corpo idrico

IT07GWAVGE10
BOATE

In questa sezione sono riportati i dati del corpo idrico selezionato, relativamente agli aspetti 'pressioni', 'misure' ed 'interventi' del modello 'DPSIR'.
Per quanto riguarda gli aspetti qualitativi dei corpi idrici ('stato' del corpo idrico nella terminologia 'DPSIR') ed i corrispondenti obiettivi di Piano, questi sono accessibili dalla sezione 'SWB' per i corpi idrici superficiali e dalla sezione 'GWB' per quelli sotterranei, oppure direttamente da questo link.




Dati generali

Codice:
IT07GWAVGE10
Nome:
BOATE
Categoria:
GW
Naturalità:
None
Regione:
Liguria
Transfrontaliero:
No
Descrizione:


None

Sottozone

Sono riportate di seguito le sottozone in cui è ricompreso il corpo idrico.


Codice
Nome
Distretto Appennino Settentrionale (GW)
Regione Liguria (GW)
Ambito applicazione intervento A0494
Ambito applicazione intervento A0500
Ambito applicazione intervento A0501
Ambito applicazione intervento A0509

Numero sottozone:
6

Pressioni

La tabella riporta le pressioni che risultano significative per il corpo idrico considerato.


Codice
Nome
Areale
Classe
2.1.1 - Diffuse - Urban run-off (BA)
BA

Numero pressioni:
1

Classi di pressione

Classi di pressione corrispondenti alle pressioni agenti sul corpo idrico.


Codice
Nome
Diffuse

Numero classi di pressione:
1

Interventi

Sono riportati di seguito gli interventi, sia diretti che areali, cui è soggetto il corpo idrico.

Per 'intervento diretto' (vedi colonna 'Tipologia' della tabella) si intende un intervento per il quale è specificato in modo esplicito il corpo idrico / i corpi idrici cui l'intervento è applicato.
Per 'intervento areale' si intende un intervento che si applica ad una o più 'sottozona', ovvero a tutti i corpi idrici di un determinato ambito geografico e/o amministrativo. Uno stesso intervento applicato attraverso zone distinte viene computato una sola volta.

Lo 'stato di avanzamento' dell'intervento è dato quale numero reale compreso nell'intervallo [0, 1] dove:
'0' Indica che l'intervento non è ancora avviato
'1' Indica che l'intervento è concluso.

Il 'peso di un intervento' è una valutazione empirica della rilevanza attribuita all'intervento stesso all'interno della misura cui l'intervento appartiene. Il peso assume valori reali nell'intervallo (0, 1] dove
'0' Indica che l'intervento non ha alcuna rilevanza nel raggiungimento degli obiettivi della misura (condizione deprecata)
'1' Indica che l'intervento è pienamente efficace e coerente al raggiungimento degli obiettivi della misura.

La colonna 'Costo' riporta il costo dell'intervento a carico dell'attuale ciclo di Pianificazione, in milioni di Euro.
Si evidenzia che, spesso un intervento, sia diretto che areale, è relativo a più di un corpo idrico, e quindi il suo costo è poi analogamente ripartito. Nella colonna 'Costo' è indicato il costo complessivo dell'intervento, indipendentemente dal numero di corpi idrici cui l'intervento è applicato.
Per maggiori dettagli e per la stima dei costi effettivamente a carico del corpo idrico in oggetto, si veda il tab 'Costo'.


Codice
Nome
Tipologia
Peso
Avanzamen.
Costo (M€)
Attuazione di programma per l'applicazione di una metodologia omogenea per la valutazione dell'impatto dei valori di fondo ai fini della classificazione dello stato dei corpi idrici sotterranei
Intervento areale
0.6
None
None
Implementazione della disciplina per gli scarichi (applicazione e attività di controllo). Piano d'azione metalli acque sotterranee indirizzato ad escludere provenienza da pressioni antropiche controlli scarichi
Intervento areale
0.7
0.5
None
Potenziamento del controllo dei prelievi nelle aree di elevata criticità
Intervento areale
0.8
0.5
None
Aumento delle conoscenze sui valori di fondo naturale riguardo a determinate sostanze prioritarie e inquinanti specifici.
Intervento areale
0.50
0.5
None
Aumento delle conoscenze sulla contaminazione diffusa da solventi clorurati nelle acque sotterranee.
Intervento areale
0.50
0.5
None
Direttiva derivazioni idriche - All. B
Intervento areale
1
0.5
0.0000000000000000
Norme Piano di Tutela delle Acque Toscana
Intervento areale
0.5
0.5
0.0000000000000000
Disciplina dei canoni di concessione di derivazione e criteri per la determinazione dei canoni
Intervento areale
0.7
0.5
0.0000000000000000
Attuazione degli Indirizzi di Piano
Intervento areale
1
0.25
0.0000000000000000
Redazione bilanci idrici e definizione soglie per indicatori di severità idrica
Intervento areale
1
0.5
0.1524600000000000
Aggiornamento bilanci e definizione soglie per indicatori di disponibilità idrica
Intervento areale
0.5
0.5
0.0677600000000000
Realizzazione di piezometri, rilevamento di EQB e IQM
Intervento areale
0.6
0.25
0.2000000000000000
Manutenzione reti di monitoraggio idrometrico
Intervento areale
0.4
0.5
0.3118080000000000
Aggiornamento del quadro conoscitivo alla luce del cambiamento climatico in atto
Intervento areale
0.5
0.5
0.4500000000000000
Attività divulgative, educative e culturali
Intervento areale
0.6
0.5
None
Attività finalizzata alla redazione e aggiornamento del Piano di Gestione Acque
Intervento areale
0.8
0.5
0.6000000000000000
Monitoraggi ambientali Regione Liguria
Intervento areale
0.4
0.5
25.4644120000000000
Limitazione/Sostituzione/Eliminazione dei prodotti fitosanitari per il raggiungimento del “Buono” stato ecologico e chimico delle acque superficiali e sotterranee
Intervento areale
0.7
None
None
Piano Azione per Solventi e Trialometani
Intervento diretto
0.5
0.5
None
Applicazione del Piano di Tutela delle Acque della Regione Liguria
Intervento areale
0.7
0.5
None

Numero di interventi diretti:
1
Numero di interventi areali:
19

Numero totale interventi:
20

Misure

Sono riportate di seguito le misure correlate al corpo idrico, sia attraverso interventi diretti che attraverso Interventi areali.


Codice
Nome
Redazione e aggiornamento del Piano di Gestione Acque ai sensi della Direttiva 2000/60/CE (Direttiva Quadro Acque)
Monitoraggi ambientali
Disciplina delle derivazioni e deflusso ecologico
Indirizzi di Piano
Miglioramento efficacia impianti di depurazione, reti di raccolta, reti di smaltimento e gestione degli scarichi
Uso sostenibile e tutela della risorsa idrica (Base)
Integrazione dei sistemi di monitoraggio
Aggiornamento e approfondimento del quadro conoscitivo, studi e ricerche
Promozione di pratiche colturali sostenibili per il miglioramento della gestione dei nutrienti e dei fitosanitari
Sostegno ad azioni per aumentare la resilienza e favorire l'adattamento ai cambiamenti climatici
Piano di Tutela delle Acque della Regione Liguria

Numero misure:
11

Costo

Sono riportati di seguito i costi previsti a carico del corpo idrico in oggetto, relativamente al periodo di validità del presente Piano.

La spesa prevista su un corpo idrico è la somma dei costi degli interventi su di esso previsti. Più precisamente, poichè spesso gli interventi sono relativi a più di un corpo idrico, la spesa prevista su un corpo idrico è la somma dei costi unitari degli interventi su di esso previsti, dove per 'costo unitario di un intervento' si intende semplicemente il costo dell'intervento diviso il numero dei corpi idrici cui l'intervento è applicato (I).

Altro aspetto significativo è che la spesa prevista su un corpo idrico è calcolata sulla base dei soli interventi su di esso previsti e per i quali è dato il costo. Non è escluso tuttavia il caso che l'importo di alcuni interventi possa non essere stato trasmesso e possa quindi non essere qui noto.
Per tener conto di tali situazioni, associato alla spesa indicata c'è quindi un valore di 'confidenza' che tiene conto del numero di interventi previsti sul corpo idrico, ma per i quali non è dato il corrispondente costo, in confronto al numero totale di interventi previsti, sempre sul corpo idrico.
La confidenza assume valori compresi nell'intervallo (0, 1].
Tende a 0 quanto più il numero degli interventi con costo noto è basso in relazione al numero totale di interventi previsti sul corpo idrico.
Assume il valore 1 quando il costo è dato per tutti gli interventi previsti sul corpo idrico.
Quando per nessun intervento previsto è noto il costo, il costo di adeguamento del corpo idrico ed il valore della confidenza sono 'NULL'.

Di seguito sono riportate quindi:
La stima della spesa prevista per il corpo idrico dall'attuale ciclo di pianificazione
La stima della porzione di detta spesa prevista per la quale esiste la immediata disponibilità economica (copertura finanziaria)
La valutazione della attendibilità di dette valutazioni (confidenza).

Tutti i costi sono in milioni di Euro (M€).


Numero di interventi previsti sul corpo idrico:
20
Numero di interventi di cui è dato il costo:
11

Costo complessivo (M€):
0.127742
Copertura finanziaria (M€):
0.127742
Copertura finanziaria (%):
100

Confidenza della valutazione (NP):
0.550


I Tale definizione di costo unitario è, chiaramente, semplificatirice ed altre definizioni avrebbero potuto essere adottate (ad esempio, una ripartizione del costo degli interventi sulla base della lunghezza dei corpi idrici cui sono applicati, oppure specificando numericamente e caso per caso l'importo da attribuire a ciascun corpo idrico).
Ogni alternativa ha comunque i propri vantaggi e svantaggi, e si porta dietro un margine di incertezza. In questa sede è stata data priorità alla semplicità di valutazione.

Analisi di coerenza

In termini generali, un corpo idrico è soggetto a delle pressioni significative (eventualmente nessuna pressione), da cui delle classi di pressione significative, che sono funzione esclusiva della situazione effettiva del corpo idrico.
D'altro canto un intervento ha delle classi di pressione obiettivo che, di fatto, vengono fissate a priori quando viene valutata la necessità e/o l'opportunità di un determinato intervento. Nella logica di questo modello DPSIR le classi di pressione obiettivo di un intervento sono quelle della misura cui l'intervento appartiene (si ricorda che un intervento è associato ad una ed una sola misura).
Dal confronto tra le classi di pressione obiettivo dell'intervento e quelle cui è effettivamente soggetto il corpo idrico discende la coerenza o meno tra intervento e corpo idrico cui l'intervento è applicato.
Si ha sicuramente coerenza se non è vuota l'intersezione tra l'insieme delle classi di pressione obiettivo dell'intervento e l'insieme delle classi di pressione cui è soggetto il corpo idrico.
Si ha possibile non coerenza se l'intersezione di cui sopra è vuota (il corpo idrico non è soggetto a nessuna delle classi di pressione obiettivo dell'intervento).
Si evidenzia come, a questo livello di analisi, la non coerenza di cui sopra sia possibile e non certa, in quanto l'intervento potrebbe essere stato previsto in via cautelativa e/o di mantenimento, ed in tal caso può essere che gli obiettivi dell'intervento siano pressioni non al momento manifeste sul corpo idrico. Un altro possibile esempio sono gli interventi a carattere normativo, i quali, tipicamente, si applicano a tutti i corpi idrici di un determinato areale, a prescindere dalla condizione specifica del singolo corpo idrico.

La tabella seguente riporta l'elencazione di tutti gli interventi previsti per il corpo idrico in oggetto, con l'indicazione della coerenza tra intervento stesso e condizione del corpo idrico.
Il valore 'true' nel campo 'Coerenza' sta ad indicare la coerenza tra intervento e corpo idrico, secondo le note sopra esposte.
Il valore 'false' sta ad indicare una possibile non coerenza.


Elenco degli interventi previsti per il corpo idrico e relativa coerenza con il corpo idrico stesso:


Intervento
Nome
Misure
Coerenza
Attuazione di programma per l'applicazione di una metodologia omogenea per la valutazione dell'impatto dei valori di fondo ai fini della classificazione dello stato dei corpi idrici sotterranei
True
Implementazione della disciplina per gli scarichi (applicazione e attività di controllo). Piano d'azione metalli acque sotterranee indirizzato ad escludere provenienza da pressioni antropiche controlli scarichi
True
Potenziamento del controllo dei prelievi nelle aree di elevata criticità
True
Aumento delle conoscenze sui valori di fondo naturale riguardo a determinate sostanze prioritarie e inquinanti specifici.
True
Aumento delle conoscenze sulla contaminazione diffusa da solventi clorurati nelle acque sotterranee.
True
Direttiva derivazioni idriche - All. B
False
Norme Piano di Tutela delle Acque Toscana
True
Disciplina dei canoni di concessione di derivazione e criteri per la determinazione dei canoni
True
Attuazione degli Indirizzi di Piano
True
Redazione bilanci idrici e definizione soglie per indicatori di severità idrica
True
Aggiornamento bilanci e definizione soglie per indicatori di disponibilità idrica
True
Realizzazione di piezometri, rilevamento di EQB e IQM
True
Manutenzione reti di monitoraggio idrometrico
True
Aggiornamento del quadro conoscitivo alla luce del cambiamento climatico in atto
False
Attività divulgative, educative e culturali
False
Attività finalizzata alla redazione e aggiornamento del Piano di Gestione Acque
True
Monitoraggi ambientali Regione Liguria
True
Limitazione/Sostituzione/Eliminazione dei prodotti fitosanitari per il raggiungimento del “Buono” stato ecologico e chimico delle acque superficiali e sotterranee
True
Piano Azione per Solventi e Trialometani
True
Applicazione del Piano di Tutela delle Acque della Regione Liguria
True

Numero totale di interventi:
20

Numero interventi coerenti:
17
Numero interventi a possibile incoerenza:
3


Torna ad inizio pagina
Vai ai 'Tabs'
Vai alla home page del modello DPSIR

Piano di gestione delle acque 2021 - 2027